Sistemi di Pesca

Le nasse

Le nasse

Le nasse sono piccole trappole mobili, le più antiche sono quelle in vimini, ma oggi si utilizza spesso rete con intelaiatura metallica od in plastica. La "bocca" è l'ingresso per la preda, e spesso è costruito a mano e ha una forma ad imbuto in rete o fil di ferro. La pesca delle nasse può essere completamente manuale, quando si opera in prossimità della costa o meccanizzata quando si opera con pescherecci più grossi ed in zone più profonde. Le nasse sono attrezzi che consentono lo sfruttamento di zone difficilmente sfruttabili con altri attrezzi, sono normalmente molto selettive e con impatto ambientale fortemente contenuto.
Autore: C2P3
0 Commenti
Il palangaro

Il palangaro

Il palangaro (o palamito o palangrese o conso) è formato da un insieme molto numeroso di ami, tutti collegati ad un unico supporto (filo, cavetto) detto "trave" o "madre", tramite degli spezzoni di filo chiamati "braccioli". I pescatori distinguono i vari tipi di palangaro in funzione della specie bersaglio, quale tonno (vari Tunnidi), pesce spada (XIphias gladius), spigole o branzini (Dicentrarchus labrax), anguille etc. La pesca con il palangaro può essere effettuata completamente a mano oppure avvalendosi di appositi ausili di coperta, come il Salpapalangari. VI sono due grosse categorie di palangari automatici: la prima categoria concerne il palangaro di fondo per la cattura del pesce bianco. In genere, in Italia, viene impiegato dai pescatori professionali, un palangaro con braccioli lunghi in media da 2 a 5 m che corrisponde ad un palangaro con attrezzatura intermedia tra quello derivante con braccioli molto lunghi e un basso numero di ami ed un palangaro di fondo con braccioli molto corti ed un numero elevato di ami, I palangari possono essere disitinti in due categorie: i palangari fissi o di fondo ed i palangari derivanti o di superficie.
Autore: C2P3
0 Commenti
Circuizione

Circuizione

Reti a forma di rettangolo, molto alte, delimitate, superiormente da una lima da sugheri con numerosi e grossi galleggianti posti uno di seguito all'altro, essendo reti di superficie, ed inferiormente da una lima da piombi formata da un cavo piombato a catena. La dimensione della rete e della maglia dipende dalla specie target, e devono avere dimensioni adeguate per evitare la pesca di specie sottotaglia.
Autore: C2P3
0 Commenti
Traino pelagico

Traino pelagico

La pesca è determinata dal "traino" degli  attrezzi (a mezz'acqua o sul fondo marino) a mano o per mezzo di un natante. Le reti da traino sono reti di forma conica o piramidale e sono normalmente formate da molte pezze di rete di maglia diversa e di filo diverso. I fili della rete sono generalmente piuttosto grossi per alcune ragioni legate alla modalità di pesca: elevato carico di rottura, forte abrasione sul fondo (soprattutto per lo strascico) e rapida usura durante le operazioni di calo e recupero della rete. Sulla base del cono o della piramide sono cucite le braccia, le lime o la struttura rigida nel caso delle reti a bocca fissa. Dall'altra parte è montato il sacco con un sistema di chiusura per permettere facilmente l'apertura del sacco stesso quando, issata la rete a bordo si deve recuperare la saccata. Il traino avviene generalmente con cavi di acciaio dimensionati secondo la potenza del peschereccio.
Autore: C2P3
0 Commenti

Traino di fondo

La pesca è determinata dal "traino" degli attrezzi (a mezz'acqua o sul fondo marino) a mano o per mezzo di un natante. Le reti da traino sono reti di forma conica o piramidale e sono normalmente formate da molte pezze di rete di maglia diversa e di filo diverso. I fili della rete sono generalmente piuttosto grossi per alcune ragioni legate alla modalità di pesca: elevato carico di rottura, forte abrasione sul fondo ( soprattutto per lo strascico) e rapida usura durante le operazioni di calo e recupero della rete. Sulla base del cono o della piramide sono cucite le braccia, le lime o la struttura rigida nel caso delle reti a bocca fissa. Dall'altra parte è montato il sacco con un sistema di chiusura per permettere facilmente l'apertura del sacco stesso quando, issata la rete a bordo, si deve recuperare la saccata. Il traino avviene generalmente con cavi di acciaio dimensionati secondo la potenza del peschereccio.
Autore: C2P3
0 Commenti
Reti da posta

Reti da posta

Le reti da posta sono reti passive in quanto catturano il pesce che vi incappa restando ferme rispetto all'acqua o al fondo. Le reti da posta possono essere calate singolarmente (una pezza), ma normalmente ne vengono calate più pezze legate l'una all'altra a formare una "stesa" (in francese "tesure"). Le dimensioni delle reti ed il numero di pezze calate in una stesa da una singola imbarcazione, dipende da vari fattori tra cui l'area di pesca prescelta, la specie bersaglio, le dimensioni del natante, l'equipaggio etc.
Autore: C2P3
0 Commenti
RSS